LA NOSTRA TENUTA

Henry Miller scriveva “La propria destinazione non è mai un luogo, ma un nuovo modo di vedere le cose”.

Non amavo questo posto da bambina, dovevo passare qui parte delle vacanze sola con i nonni, credevo di annoiarmi, allora, e non mi rendevo conto di quanto invece questi luoghi stessero entrando, sottovoce, a far parte di me.

Ora ci sono tornata, in questi luoghi, di mia spontanea volontà e non potrei mai più farne a meno.

Questa masseria, tanto voluta dalla mia amata nonna “Donna Maria”, il fascino del bosco, le tracce di storia tra le rocce, il contatto pieno con la natura, i fiori con la loro bellezza che riempie gli occhi, l’orto generoso, le risate delle galline, la frescura donata dalla piscina quando il sole caldo del sud non dà tregua, i frutti degli alberi, i profumi della terra, il canto degli uccellini che ti svegliano al mattino, il tempo che rallenta… Tutto questo mi ha strappata in un attimo alla vita frenetica e stressante di cui ero inconsapevolmente prigioniera.

LA NOSTRA TENUTA

Henry Miller scriveva “La propria destinazione non è mai un luogo, ma un nuovo modo di vedere le cose”.

Non amavo questo posto da bambina, dovevo passare qui parte delle vacanze sola con i nonni, credevo di annoiarmi, allora, e non mi rendevo conto di quanto invece questi luoghi stessero entrando, sottovoce, a far parte di me.

Ora ci sono tornata, in questi luoghi, di mia spontanea volontà e non potrei mai più farne a meno.

Questa masseria, tanto voluta dalla mia amata nonna “Donna Maria”, il fascino del bosco, le tracce di storia tra le rocce, il contatto pieno con la natura, i fiori con la loro bellezza che riempie gli occhi, l’orto generoso, le risate delle galline, la frescura donata dalla piscina quando il sole caldo del sud non dà tregua, i frutti degli alberi, i profumi della terra, il canto degli uccellini che ti svegliano al mattino, il tempo che rallenta… Tutto questo mi ha strappata in un attimo alla vita frenetica e stressante di cui ero inconsapevolmente prigioniera.

Trasformarmi da giornalista televisiva, consulente di comunicazione e organizzatrice di eventi in imprenditrice agricola è stato immediato ed assolutamente naturale. Le capacità di fare, che avevo acquisito da bambina, sono riaffiorate quasi magicamente e così ho scoperto che adesso mi piace raccogliere le olive e fare l’olio, fare il sapone, le marmellate, i rosoli, la pasta fatta in casa, le pignate, i cesti intrecciati e tutto questo ”nuovo modo di vedere le cose” mi ha donato benessere, equilibrio e serenità.

Ed ecco le parole d’ordine: BENESSERE, EQUILIBRIO, SERENITÀ. Sono il regalo che ho ricevuto da Tenuta Chimeta ed è ciò che oggi desidero riuscire a condividere con i miei ospiti.

Mi accompagna in questa avventura la mia mamma. Da sempre abituata, come medico, a prendersi cura delle persone , è riuscita altrettanto bene nella cura del giardino, regalando agli occhi un trionfo di colori che rendono questa terra ancora più accogliente.

Insieme ci permettiamo di aggiungere al pensiero di Henry Miller che sì, è indispensabile avere la capacità di vedere le cose in un modo nuovo, ma il luogo giusto senza dubbio aiuta questo processo.

Trasformarmi da giornalista televisiva, consulente di comunicazione e organizzatrice di eventi in imprenditrice agricola è stato immediato ed assolutamente naturale. Le capacità di fare, che avevo acquisito da bambina, sono riaffiorate quasi magicamente e così ho scoperto che adesso mi piace raccogliere le olive e fare l’olio, fare il sapone, le marmellate, i rosoli, la pasta fatta in casa, le pignate, i cesti intrecciati e tutto questo ”nuovo modo di vedere le cose” mi ha donato benessere, equilibrio e serenità.

Ed ecco le parole d’ordine: BENESSERE, EQUILIBRIO, SERENITÀ. Sono il regalo che ho ricevuto da Tenuta Chimeta ed è ciò che oggi desidero riuscire a condividere con i miei ospiti.

Mi accompagna in questa avventura la mia mamma. Da sempre abituata, come medico, a prendersi cura delle persone , è riuscita altrettanto bene nella cura del giardino, regalando agli occhi un trionfo di colori che rendono questa terra ancora più accogliente.

Insieme ci permettiamo di aggiungere al pensiero di Henry Miller che sì, è indispensabile avere la capacità di vedere le cose in un modo nuovo, ma il luogo giusto senza dubbio aiuta questo processo.